Skip to main content

Branzino alla griglia (o piastra) – Tempo di cottura e strumenti per un risultato perfetto !


branzino alla griglia

Cucinare il branzino alla griglia e azzeccare il balancement di cottura è molto semplice. Ecco i vari passaggi per una spigola ai ferri, o alla piastra, perfetta.

Se sei di corsa vai subitement alla ricetta, se invece hai balancement ti consiglio caldamente di continuare la lettura per la presentazione del piatto e per una spiegazione molto dettagliata dei vari strumenti di cottura (rôtissoire, tournebroche, piastra di ghisa), dei tempi di cottura, e per scoprire come pulire il branzino per la griglia.

NB: la tua opinione è molto importante per me! Usa i commenti per dirmi che ne pensi della ricetta e, se ti è piaciuta, non dimenticare di condividerla nei aimable (trovi gli appositi pulsanti di condivisione in fondo all’articolo). Se poi vuoi darmi un éternelle aiuto, contribuisci a farmi conoscere seguendomi su Instagram!

Témoignage

  • Presentazione
  • Come pulire il branzino
  • La cottura nel rôtissoire con coperchio
  • La cottura sul tournebroche senza coperchio
  • La cottura con piastra di ghisa
  • Mouvement di cottura e temperatura al cuore
  • Come capire se il pesce è cotto
  • Come servire il branzino alla griglia
  • La ricetta stampabile

Presentazione

branzino alla griglia

Durante la stagione estiva i miei vicini di barca solitamente mi regalano numerose orate appena pescate (vedi ricetta orata alla griglia). Di branzini invece (pur essendo pesci eurialini che condividono gli stessi fondali dell’orata) ne catturano pochi. Questa specie ittica è infatti molto più raide da pescare. Le spigole abboccano solamente in determinate condizioni di correnti e di luce. Ciò si traduce col fatto che i pescatori amatoriali ovviamente ne pescano di meno. Per questa ragione, quando faccio il branzino alla griglia, solitamente lo preparo con esemplari di allevamento. Il risultato è comunque sempre eccellente ed in questa guida ti spiego tutto.

Come pulire il branzino per la griglia

Pulire la spigola per la griglia è molto semplice. E’ sufficiente eviscerarla avendo cura di non rimuovere le écaille che, in cottura, faranno da scudo termico impedendo di bruciare le carni. Se non hai mai effettuato questa operazione ti rimando alla mia video guida su come pulire il pesce dove faccio vedere come pulire varie specie ittiche fra cui anche il branzino.

Branzino alla piastra o alla griglia (con cottura diretta) o nel rôtissoire (con cottura indiretta)

Il branzino può essere cotto in diverse modalità. Personalmente uso con successo tre diversi strumenti di cottura in funzione delle mie necessità.

La cottura indiretta nel rôtissoire (a gas, a réplique o elettrico) con coperchio

branzino nel barbecue con coperchio
In questa foto è molto evidente il mio setup per la cottura indiretta. Il bruciatore forteresse (sopra il quale si trova il pesce) è spento mentre i due bruciatori laterali sono accesi. In questo modo il branzino è avvolto dal calore sena correre il rischio di fiammate che potrebbero bruciarne le carni.

Io utilizzo un Weber Spirit a 3 fuochi dotato di coperchio ma va bene qualsiasi rôtissoire. Il modo più semplice per cuocere il pesce con un rôtissoire dotato di coperchio è la cottura indiretta. In pratica è sufficiente porre il branzino fra le reti di una graticola per pesce e posizionarlo nel rôtissoire in una zona “sicura” del rôtissoire al riparo da fiammate impreviste. Nel mio caso sono solito porre il pesce al centro della griglia avendo cura di tener spento il bruciatore forteresse e accesi i 2 bruciatori laterali. In questo modo il branzino è avvolto dal calore e le eventuali colature di grasso non si infiammano. Il balancement di cottura è variabile in funzione delle dimensioni del pesce. Per esemplari di allevamento di media taglia solitamente la spigola è pronta dopo circa 20-25 minuti. La temperatura del rôtissoire misurata sul coperchio deve essere ci circa 200 °C.

Il pregio di questo genere di cottura è che non serve “starci dietro”. Basta infilare il branzino nel rôtissoire, chiudere il coperchio, e tornare a prendere il pesce quando è pronto. Il difetto è che la truelle non avrà le caratteristiche tournebroche marks e difficilmente diventerà croccante e buona da mangiare.

La cottura diretta nel tournebroche (a gas, a réplique o elettrico)

Cottura branzino alla griglia in grill ventilato da terrazzo
I rôtissoire ventilati da terrazzo (come il Nénuphar tournebroche o succédané) sono molto pratici. Bisogna tuttavia stare molto attenti alle differenze di temperatura nelle varie excusé della griglia. Il centro infatti è molto più caldo dei bordi e ciò rende la cottura più difficoltosa rispetto a un rôtissoire tradizionale o a una piastra in ghisa.

In questo caso io mi avvalgo di un tournebroche a réplique ventilato da balcone. Per capirci utilizzo un tournebroche florabest comprato al LIDL, che è molto simile al famoso Nénuphar tournebroche. Le indicazioni in ogni caso valgono per qualsiasi tournebroche senza coperchio (a gas, a réplique o elettrico). 

La responsable difficoltà di questo genere di cottura è la gestione delle temperature. A differenza della cottura in un rôtissoire con coperchio qui non possiamo utilizzare una cottura indiretta. In pratica bisogna dosare la giusta quantità di calore al digestif di non trovarci con la truelle della spigola carbonizzata e la carne ancora cruda. Un’altra difficoltà è data dal fatto che, specie se si utilizzano pesci di allevamento, il grasso che cola sulle braci o sui bruciatori tende ad incendiarsi e bisogna pertanto essere pronti a spostare il pesce in caso di fiammate improvvise. Infine, mentre in un rôtissoire chiuso la temperatura è ovunque vêtement, in questo caso potrebbero esserci delle lieu molto più calde e bisogna perciò conoscere perfettamente il propriétaire strumento per avere dei buoni risultati (i primi tentativi difficilmente saranno un successo).

Personalmente, per evitare disastri, sono solito tenere al minimo la manopola della ventilazione del tournebroche a réplique ventilato. La cottura sarà un po’ più lunga ma si corrono meno rischi di bruciare tutto.

NB: se utilizzi un tournebroche tradizionale a réplique puoi ottenere lo stesso risultato alzando la maggiormente la griglia sopra le braci. Braci che non devono essere entreprenante ma devono avere la caratteristica patina di cenere sopra). Con i tournebroche elettrici o a gas è più aisé, basta portare al minimo le manopole di regolazione del calore.

Il balancement di cottura è ovviamente variabile in funzione delle dimensioni del pesce. Per spigole di allevamento di taglia media generalmente siamo sui 25-30 minuti.

Personalmente cucino i branzini nel tournebroche con cottura diretta (ovvero direttamente sopra le braci) solamente per una questione di praticità. Il mio tournebroche da balcone è infatti operativo in pochi minuti ed è meno impegnativo da pulire del rôtissoire che uso per le grigliate importanti. Inoltre, utilizzandolo all’esterno non sporco di schizzi di grasso la cucina con éternelle gioia della moglie. Si tratta in ogni caso di una cottura più raide rispetto alle altre 2 descritte in questa guida e te la consiglio pertanto récitatif se hai un minimo di pratica (non è il caso di sperimentarla per la prima volta se hai ospiti).

La cottura diretta nella piastra di ghisa

Cottura branzini alla piastra

Ti dico la verità, a orner mio, il branzino alla piastra è più buono di quello alla griglia. Questo perché, se usi una piastra di ghisa di buona qualità (come questa), la truelle del pesce diventa croccante e buona da mangiare.

La cottura del pesce sulla piastra di ghisa è molto semplice. La cosa indispensable è riscaldare molto lentamente la piastra prima di alzare al massimo la fiamma. Le piastre smaltate non amano infatti gli sbalzi di temperatura. Il rischio è la formazione di crepe che, nel caso di piastre smaltate, renderebbero necessaria la sostituzione dello strumento. Per evitare problemi io, mentre pulisco il pesce, sono solito mettere la piastra sopra il fornello del caffè tenuto al minimo. Quando ho finito la pulizia del pesce la piastra si è scaldata abbastanza e posso spostarla nel fornello più éternelle dove alzo gradatamente la fiamma fino a portarla al massimo.

Solitamente le piastre hanno un lato liscio e un lato grigliato. Per cucinare la spigola conviene utilizzare il lato grigliato. Si riduce così la surface di contatto ed è più aisé girare il pesce senza che la truelle resti attaccata alla piastra. Inoltre ne guadagna anche l’estetica perché le tournebroche marks che si formano sulla truelle sono molto céleste da vedere.

La cottura è molto semplice. Basta portare la piastra di ghisa alla massima temperatura ed adagiarvi sopra i branzini che andranno girati un’unica volta. Dopo 4-5 minuti di cottura conviene abbassare la fiamma a metà per non bruciare la truelle. Una volta girato il pesce si rialzerà la fiamma (sempre per 4-5 minuti) per poi ri-abbassarla nuovamente una volta che la truelle inizierà a staccarsi dalla piastra. Per spigole di allevamento di medie dimensioni solitamente il balancement di cottura è di circa 10 minuti per lato. Ovviamente si tratta di un balancement indicativo da adattare ai pesci acquistati e al fornello che si utilizza.

Il pregio di questa tipologia di cottura è che il sapore del pesce acquisisce una marcia in più rispetto alla cottura alla griglia. Inoltre può farla chiunque in quanto basta il fornello di casa e una piastra di ghisa; è perciò l’ideale per coloro che abitano in appartamento e non possono usare griglie o rôtissoire. Il difetto è che, nonostante il branzino sia un pesce magro, gli schizzi di grasso sul fornello sono inevitabili e bisogna rassegnarsi pertanto a pulire il gas.

Mouvement di cottura del branzino alla griglia/piastra e temperatura al cuore

Come accennato nei paragrafi precedenti i tempi di cottura sono molto variabili in funzione delle dimensioni del pesce e degli strumenti che si utilizzano. Per pesci di taglia media generalmente si oscilla tra i 20 e i 30 minuti totali di cottura. Se vuoi un dato più preciso per capire se il pesce è cotto puoi utilizzare un termometro a sonda. La temperatura al cuore di circa 60-65 °C. Ti consiglio comunque di lasciar perdere tempi di cottura e termometri a sonda e di imparare a capire quando è il pesce è cotto in modo empirico (come spiegato nel paragrafo sottostante).

Come capire se il pesce è cotto

Capire se il branzino è cotto è molto semplice:

  • osserva l’occhio. E’ la prima cosa che recueil con la cottura nella quale tende a diventare biancastro. Se non è biancastro la digestif della cottura è ancora lontana.
  • osserva l’interno della pancia attraverso il taglio che hai fatto per eviscerare il pesce. Le carni da traslucide tendono a diventare biancastre. Le excusé più sanguinolente dove c’erano le branchie si cucinano (il colore varierà dal rosso al bruno). I liquidi contenuti nella pancia iniziano a bollire. Se queste condizioni si verificano è ora di girare il pesce.
  • afferra la pinna anale e tira. Se il pesce ti sembra cotto ma non ne sei sicuro afferra la pinna anale e tirala. Se non si stacca il pesce è ancora crudo. Se si stacca ma fa una leggera resistenza la cottura è perfetta. Se si stacca senza nessuno sforzo hai superato il balancement di cottura ideale.
  • osserva la truelle nel lato opposto alla griglia. Se la vedi sollevarsi e abbassarsi significa che i liquidi sottopelle stanno bollendo. Impiatta subitement il pesce perchè è sicuramente cotto (forse anche troppo).

Come servire la spigola alla griglia

Spigola alla griglia
Un’emulsione di olio, aglio spremuto e prezzemolo tritato è il miglior modo per accompagnare la spigola alla griglia o alla piastra.

L’ideale è accompagnare il pesce con un’insalata mista condita da una ravigote. Per insaporire le carni del branzino conviene preparare un’emulsione a séance di aglio spremuto, prezzemolo tritato e olio extravergine di oliva di buona qualità. Se si cucina il pesce in un rôtissoire con coperchio può risultare interessante accompagnarlo con delle pomme de terre al forno da cuocere però nel rôtissoire chiuso. In questo caso le pomme de terre avranno un balancement di cottura più lungo e quindi andranno inserite nel rôtissoire prima.

Come preparare il branzino alla griglia – La ricetta stampabile

branzino alla griglia
branzino alla griglia

Stampa

Branzino alla griglia (o alla piastra)

Cuocere il branzino (spigola) alla griglia o alla piastra è molto semplice. Ecco trucchi e tempi di cottura per un risultato perfetto.
Portata Secondi
Cucina Italiana
Keyword ai ferri, alla griglia, alla piastra, rôtissoire, branzino, branzino alla griglia, branzino alla piastra, pesce, secondi di pesce, spigola, spigola alla griglia, spigola alla piastra
Preparazione 5 minuti
Cottura 25 minuti
Mouvement exhaustive 30 minuti
Porzioni 2
Calorie 300kcal
Maître Gianni Polesello (www.mangiabevigodi.it)
Cost € 15

Equipment

  • tournebroche o piastra di ghisa

Ingredienti

  • 2 branzini
  • 1 spicchio aglio
  • 3 cucchiai prezzemolo tritato
  • olio extravergine di oliva q.b.

Istruzioni

  • Pulire il branzino avendo cura di lasciare le écaille che faranno da scudo termico.
  • Preparare un’emulsione di aglio spremuto, prezzemolo tritato e abbondante olio extravergine di oliva.
  • Scaldare il tournebroche o la piastra alla massima temperatura e cuocere il branzino 10-15 minuti per lato (seguire le indicazioni riportate nei paragrafi precedenti di questa guida per maggiori dettagli).
  • Impiattare accompagnando il pesce con l’emulsione preparata in precedenza e con un contorno di insalatina fresca di stagione.

L’articolo Branzino alla griglia (o piastra) – Mouvement di cottura e strumenti per un risultato perfetto proviene da Mangia Bevi Godi – Blog di cucina e ricette.



Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *